Ritorno alla home page della Provincia di Milano  Ritorno alla home page del Settore Cultura
Culture in movimento - strumenti e risorse per una cittą interculturale



» Presentazione
 
Versione Italiana
  » Introduzione del Presidente e dell'Assessora alla cultura
  » Programma
  » Spirit of "Fès" a Milano
   
English Version
  » Introduction of the President and the Councillor for culture
  » Programm
  » Spirit of "Fès" at Milan

12, 13 e 14 maggio 2005
Logo dell'iniziativa

A Milano da giovedi 12 a sabato 14 maggio 2005, presso il Teatro Dal Verme, Via S. Giovanni sul Muro 2, incontro internazionale "CULTURE IN MOVIMENTO. Strumenti e risorse per una città interculturale", promosso dalla Provincia di Milano/Settore cultura, in collaborazione con l’Associazione per l’Economia della Cultura.

Il convegno vuole essere anzitutto il segno di un energico impegno della Provincia di Milano ad affrontare in chiave di apertura e civile accoglienza i temi legati alla ormai significativa presenza di cittadini stranieri nel territorio metropolitano. Per la prima volta nell’area milanese (e fra le prime in Italia) si mettono al centro dell’attenzione il ruolo e le responsabilità delle politiche pubbliche e delle istituzioni culturali nella promozione dei processi di integrazione nella società multietnica.

Negli ultimi anni, in Italia e in altri Paesi dell’Unione Europea interessati da consistenti flussi migratori, tali processi sono stati circoscritti quasi esclusivamente a settori che richiedevano interventi prioritari, quali occupazione, assistenza, sanità, istruzione. Ma viene sempre più in primo piano il problema della convivenza di diverse appartenenze culturali e religiose nelle nostre società, dentro un quadro di regole e valori condivisi. Si avverte l’urgenza di politiche pubbliche mirate ad abbassare la soglia della paura, della diffidenza e delle chiusure che "il diverso" genera in una parte della popolazione; ma anche di politiche in grado di trasformare la diversità e la varietà culturale in valore aggiunto delle società sviluppate, in termini di apporto creativo, allargamento degli orizzonti culturali e innovazione generata dal melting pot di popoli, culture e talenti.

Il convegno rappresenta quindi un'importante occasione per evidenziare i nodi critici nel rapporto tra politiche culturali e società multietnica, e offrire spunti di riflessione alle istituzioni e agli operatori del settore (sociali o culturali, pubblici o privati) nei processi di pianificazione, progettazione e intervento sul fronte dell’integrazione – intesa come dialogo e scambio interculturale piuttosto che come assimilazione – delle comunità immigrate.
Nel corso dei lavori, le testimonianze di esperti internazionali provenienti da Paesi che, prima dell’Italia, hanno affrontato le questioni culturali legate alla nuova immigrazione, si alterneranno a quelle di operatori italiani impegnati in iniziative e progetti all’avanguardia sul fronte dello sviluppo di una nuova competenza interculturale. I relatori sono docenti universitari, ricercatori, consulenti e formatori, operatori culturali e sociali, funzionari di enti pubblici nazionali e locali.

L’ingresso al convegno è libero fino ad esaurimento posti.

I lavori sono articolati in due sezioni:

  1. La prima, giovedì 12 maggio, prende il via alle ore 14.30 con l’apertura dei lavori da parte del Presidente della Provincia di Milano Filippo Penati e del Presidente dell’Associazione per l’Economia della Cultura Vittorio Ripa di Meana; e prosegue alle ore 15.00 sul tema:
    "Costruire una competenza interculturale: ruoli, responsabilità, criticità"
    Presiede:
    Daniela Benelli (Assessora alla cultura, culture e integrazione della Provincia di Milano)
    Interventi di:
    • Salvatore Veca (Preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Pavia)
    • Franco Bianchini (Direttore della International Cultural Planning and Policy Unit alla De Montfort University di Leicester in Gran Bretagna)
    • Dragan Klaic (analista culturale e studioso teatrale serbo, da anni residente in Olanda)
    • Naseem Khan (Direttrice, dal 1996 al 2003, della Diversity Unit dell’Arts Council England).

  2. La seconda sezione, venerdì 13 maggio, dalle 9.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30, sul tema:
    "Costruire una competenza interculturale: esperienze dall’Italia e dall’estero"
    Presiedono:
    Pier Giorgio Solinas (Professore ordinario di Antropologia Culturale all’Università di Siena) e Graziella Favaro (responsabile pedagogica del Centro COME di Milano)
    Interventi di:
    • Rob Boonzajer Flaes (fondatore e Direttore del programma di formazione Atana, Amsterdam, finalizzato a sviluppare la partecipazione dei "nuovi cittadini" agli organismi e ai processi decisionali delle istituzioni culturali locali)
    • Samenua Sesher (Direttore del programma Decibel all’Arts Council England)
    • Kira Kosnick (Docente all’Institute for Cultural Analysis della Notthingam Trent University ed esperta di politiche interculturali berlinesi)
    • Chris Torch (attore, regista e scenografo italo-americano, già membro del Living Theatre, oggi Direttore artistico di Intercult a Stoccolma, un’organizzazione specializzata in produzioni teatrali interculturali e particolarmente attiva nei Balcani e nella regione baltica)
    • Juan Pedregosa (Direttore dei progetti europei di Trànsit Projectes, che dal 1985 opera al servizio delle politiche di sviluppo territoriale in ambito culturale ed educativo a Barcellona)
    • Ria Lavrijsen (consulente e formatrice olandese in ambito interculturale)
    • Ilda Curti (Direttore del Comitato Progetto Porta Palazzo – "The Gate" a Torino, un progetto di rigenerazione strategica del quartiere di Porta Palazzo)
    • Lanfranco Binni (Dirigente della Regione Toscana, responsabile del progetto interculturale "Porto Franco. Toscana, terra dei popoli e delle culture")
    • Don Virginio Colmegna (Presidente della Fondazione "Casa della Carità", già Direttore della Caritas Ambrosiana a Milano).
      Conclusioni di Paolo Leon dell’Associazione per l’Economia della Cultura.

Chiude il convegno sabato 14 maggio alle ore 10.00 la tavola rotonda sul tema "Milano città aperta. Una conversazione sul futuro interculturale della metropoli", cui partecipano personalità del mondo culturale milanese (intellettuali, artisti, scrittori, …). Hanno già confermato la loro presenza: Maurizio Nichetti, Giulio Giorello, Pap Kouma, Khaled Fouad Allam, Patrizia Valduga, David Bidussa, Ulderico Maggi(Comunitą di San Egidio), Giancarlo Majorino, Salvatore Natoli, Lella Costa, Gianluca Bocchi, Aimon Maricos.

Coordina Armando Massarenti.

Il convegno "Culture in movimento" sarà affiancato dalla rassegna "Spirit of Fès" a Milano, incontri e concerti dedicati al dialogo fra culture dal Festival di Fès, Marocco.